Gita di mezza giornata Mombasa Tour

mombasa tour.png

Questa gita di mezza giornata include:

  • Prelievo e rientro in hotel

  • Una guida / autista locale per l'intero tour

  • Ingresso al Museo di Fort Jesus e alla Casa delle farfalle

  • Snack e bottiglietta d'acqua

ESCLUSO GIOVEDI MATTINA

 

Pick-up al mattino dall'hotel dopo la colazione alle 09:00 o dopo il pranzo alle 14:00

Rientro entro l'ora di pranzo o prima del tramonto, rientro in hotel

 

Itinerario:

 

Ponte di Nyali

Il ponte è stato aperto nel 2002 ed è uno dei tre collegamenti stradali da Mombasa (gli altri sono Kipevu e Makupa Causeways ). Il traghetto Likoni fornisce un quarto collegamento di trasporto per l'isola ed è situato sulla punta meridionale.

 

Stazione ferroviaria di Mombasa

Il vecchio Lunatic Express a scartamento ridotto era il modo classico di viaggiare tra Nairobi e Mombasa, pernottando in un dormiente. Nel 2017 è stata sostituita da una veloce ferrovia a scartamento normale diurna costruita con l'aiuto cinese, il nuovo modo rapido per spostarsi tra queste città: individuare grandi giochi mentre si viaggia! L'ULTIMO TRENO SOPRA LA CLASSICA LINEA FU IL 28 APRILE 2017

 

Moi Avenue / Tusks

La strada corre da ovest a est da Kilindini a una rotonda con Digo Road . Originariamente chiamata Kilindini Road, il suo nome è stato successivamente cambiato in riconoscimento del secondo presidente del Kenya, Daniel arap Moi . Moi Avenue è nota per due coppie di zanne di elefante in alluminio gigante che attraversano la doppia carreggiata . Le zanne furono commissionate in commemorazione di una visita a Mombasa dalla regina Elisabetta nel 1952 e da allora sono rimaste li.

 

Traghetto di Likoni

Il traghetto di Likoni è un servizio di traghetto attraverso il porto di Kilindini , che serve la città tra la parte dell'isola di Mombasa e il sobborgo continentale di Likoni . Due - quattro traghetti a doppia estremità si alternano attraverso il porto, trasportando sia il traffico stradale che pedonale. I traghetti sono operati da Kenya Ferry Services (KFS) ed è l'unico servizio di traghetti rimasto da KFS. Il traghetto Likoni ha iniziato ad operare nel 1937. I servizi passeggeri sono gratuiti mentre i veicoli, i tuktuk , le motociclette e gli autocarri devono pagare il pedaggio del traghetto.

 

Mama Ngina's Drive

Questo posto è ora chiamato The Waterfront dopo che il governo del Kenya ha investito molto nella sua riabilitazione. È stato aperto al pubblico il 26 dicembre 2019.

 

Cattedrale commemorativa di Mombasa

L'ACK Mombasa Memorial Cathedral non è una cattedrale ordinaria per nessuno standard. Innanzitutto, risale al periodo coloniale britannico. In secondo luogo, è costruito con pietra corallina e in terzo luogo, e il più sorprendente, sembra una moschea - letteralmente!

Questa bellissima cattedrale tutta bianca e con archi e una cupola a cupola color argento esattamente come quella che avresti trovato nelle moschee doveva essere inizialmente costruita a Freretown. Freretown era stata fondata nel 1875 sulla terraferma a nord dell'isola di Mombasa come insediamento di schiavi liberati.

Ma poiché la Gran Bretagna stava osservando Mombasa come la futura capitale del suo protettorato britannico dell'Africa orientale, il cantiere della Mombasa Memorial Cathedral si trasferì dalla terraferma all'isola. Ma perché costruire una cattedrale in questo modo?

La cattedrale commemorativa di Mombasa è nata all'interno di una comunità prevalentemente musulmana e per mimetizzarsi, i suoi costruttori hanno dovuto abbracciare la tradizionale architettura araba della costruzione della moschea.

Allora la diffusione del cristianesimo non era facile. Il dott. Ludwig Krapf, il luterano tedesco che ha introdotto il cristianesimo moderno nell'Isola, ha dovuto affrontare così tante difficoltà nel convere qui, che ha dovuto trasferirsi nell'entroterra costiero, tra i Nyika, dove l'Islam era meno diffuso.

La cattedrale, fondata nel 1903 come memoriale ai vescovi Hannington e Parker e al reverendo Wright, era una propaggine del 1898 della diocesi ora divisa dell'Africa equatoriale orientale che a quel punto copriva l'Uganda, il Kenya e l'allora Tanganica

Quando la cattedrale commemorativa di Mombasa fu consacrata il 31 maggio 1905, era costata ben oltre £ 4.400 da montare in modo che oggi possiamo celebrare oltre un secolo di un magnifico pezzo di architettura.

 

Città vecchia

Gli edifici nella Città Vecchia sono influenzati dalla cultura commerciale di Mombasa, con molti esempi di architettura portoghese e islamica . Nel 1997, il centro storico e Fort Jesus sono state presentate dai Musei Nazionali del Kenya per la selezione in UNESCO lista di 's World Heritage Sites .

La data esatta di fondazione della città è sconosciuta, ma ha una lunga storia. I libri di storia della scuola keniana pongono la fondazione di Mombasa nel 900 d.C. Nel 12 ° secolo doveva essere già stata una prospera città commerciale, come menzionato dal geografo arabo al-Idrisi nel 1151. La più antica moschea di pietra di Mombasa, Mnara, fu costruita cica nel 1300. La Moschea Mandhry, costruita nel 1570, ha un minareto che contiene un arco ogivale specifico della regione. Ciò dimostra che l'architettura swahili era un prodotto africano indigeno e smentisce le affermazioni secondo cui i musulmani non africani hanno portato l'architettura in pietra sulla costa swahili.

Durante il periodo pre-moderno, Mombasa era un importante centro per il commercio di spezie, oro e avorio . I suoi legami commerciali raggiunsero l'India e la Cina e gli storici orali oggi possono ancora ricordare questo periodo della storia locale. La storia indiana mostra che c'erano legami commerciali tra Mombasa e Cholas dell'India meridionale . Durante tutto il primo periodo moderno, Mombasa era un nodo chiave nelle reti commerciali complesse e di vasta portata dell'Oceano Indiano, le sue esportazioni chiave erano quindi avorio, miglio , sesamo e noci di cocco .

Nel tardo periodo pre-coloniale (fine del XIX secolo), fu la metropoli di una società di piantagioni, che divenne dipendente dal lavoro degli schiavi (le fonti contraddicono se la città fosse mai stata un luogo importante per esportare schiavi ), ma le carovane d'avorio rimasero una fonte importante di prosperità economica. Mombasa divenne la principale città portuale del Kenya pre-coloniale nel Medioevo e fu utilizzata per commerciare con altre città portuali africane, l' impero persiano , la penisola arabica, l'India e la Cina. Il viaggiatore portoghese del XVI secolo Duarte Barbosa affermò: "[Mombasa] è un luogo di grande traffico e ha un buon porto in cui sono sempre ormeggiati piccoli velivoli di molti tipi e anche grandi navi, entrambe dirette da Sofala e altre che provengono da Cambay e Melinde e altri che navigano verso l'isola di Zanzibar ".

Vasco da Gama fu il primo europeo conosciuto a visitare Mombasa, ricevendo un freddo ricevimento nel 1498. Due anni dopo, la città fu saccheggiata dai portoghesi. Nel 1502, il sultanato divenne indipendente da Kilwa Kisiwani e fu ribattezzato Mvita (in swahili ) o Manbasa ( arabo ). Il Portogallo attaccò di nuovo la città nel 1528. Nel 1585, una spedizione militare congiunta tra i somali dell'Impero Ajuran e i Turchi dell'Impero Ottomano , guidata dall'emiro Ali Bey, liberò con successo Mombasa e altre città costiere dell'Africa sudorientale dai portoghesi. Tuttavia, Malindi rimase fedele al Portogallo. Gli Zimba conquistarono le città di Sena e Tete sullo Zambesi e nel 1587 presero Kilwa, uccidendo 3000 persone. A Mombasa, gli Zimba massacrarono gli abitanti musulmani, ma furono fermati a Malindi dal Segeju di lingua bantu e tornarono a casa. Ciò stimolò i portoghesi a conquistare Mombasa una terza volta nel 1589 e quattro anni dopo costruirono Fort Jesus per amministrare la regione. Tra il lago Malawi e la foce dello Zambesi, Kalonga Mzura fece un'alleanza con i portoghesi nel 1608 e schierò 4.000 guerrieri per sconfiggere il loro rivale Zimba, guidato dal capo Lundi.

Dopo la costruzione di Fort Jesus Mombasa fu messa dai portoghesi sotto il dominio dei membri della famiglia al potere di Malindi. Nel 1631 Dom Jeronimo, sovrano di Mombasa, massacrò la guarnigione portoghese in città e sconfisse le forze di soccorso inviate dai portoghesi. Nel 1632 Dom Jeronimo lasciò Mombasa e divenne un pirata. Quell'anno i portoghesi tornarono e stabilirono il dominio diretto su Mombasa.

Con la cattura di Fort Jesus nel 1698, la città passò sotto l'influenza dell'Imamato dell'Oman , subordinato ai sovrani dell'Oman nell'isola di Unguja , provocando regolari ribellioni locali. L'Oman ha nominato tre governatori consecutivi (Wali in arabo, Liwali in swahili ):

Mombasa tornò brevemente al governo portoghese dal capitano maggiore Álvaro Caetano de Melo Castro (12 marzo 1728-21 settembre 1729), poi quattro nuovi Liwali dell'Oman fino al 1746, quando l'ultimo di loro lo rese nuovamente indipendente (contestato dall'Oman), come il primo dei suoi sultani registrati.

Dal 9 febbraio 1824 al 25 luglio 1826, ci fu un protettorato britannico su Mombasa, rappresentato dai governatori. Il dominio dell'Oman fu restaurato nel 1826; sette liwalis dove nominato. Il 24 giugno 1837 fu annesso nominalmente da Said bin Sultan di Muscat e Oman .

Il 25 maggio 1887 Mombasa fu ceduta alla British East Africa Association, in seguito alla Imperial British East Africa Company . Passò sotto l'amministrazione britannica nel 1895. Presto divenne la capitale del protettorato britannico dell'Africa orientale e il terminal marittimo della ferrovia dell'Uganda , la cui costruzione fu iniziata nel 1896. Molti lavoratori furono portati dall'India britannica per costruire la ferrovia, e le fortune della città rivissero. Il Sultano di Zanzibar presentò formalmente la città agli inglesi nel 1898.

Mombasa divenne la capitale del protettorato del Kenya , tra il 1887 e il 1906 circa. La capitale fu successivamente spostata perché gli ufficiali medici avvertirono che il terreno era paludoso e sollecitarono Sir James Hayes Sadler , allora commissario del protettorato dell'Africa orientale, a difendere Londra per spostare la città altrove per mitigare potenziali malattie. Da allora Nairobi è stata la capitale del Kenya.

 

Fort Jesus

Progettato dall'italiano Giovanni Battista Cairati , fu costruito tra il 1593 e il 1596, per ordine del re Filippo I del Portogallo , a guardia del porto vecchio di Mombasa . Il forte Gesù era l'unico forte mantenuto dai portoghesi sulla costa swahili ed è riconosciuto come una testimonianza del primo tentativo riuscito di una potenza occidentale di stabilire influenza sul commercio dell'Oceano Indiano .

Cairato, il progettista del forte, si ispirò all'architetto italiano Pietro Cattaneo , mentre il capomastro fu Gaspar Rodrigues. Il forte fu l'ultimo lavoro oltremare di Cairato. Sebbene il progetto di Fort Jesus sia un esempio di architettura rinascimentale , si ritiene che le tecniche di muratura, i materiali da costruzione e il lavoro siano stati forniti dal popolo Swahili locale. Il forte fu costruito a forma di uomo (visto dall'alto) ed è approssimativamente quadrato, con quattro baluardi agli angoli. Il forte è considerato un capolavoro di fortificazione militare tardo rinascimentale .

Il forte Gesù fu catturato e riconquistato almeno nove volte tra il 1631, quando i portoghesi lo persero contro il sultano Yusuf ibn al-Hasan di Mombasa e nel 1895 quando cadde sotto il dominio britannico e fu convertito in prigione. Dopo che i portoghesi lo ricatturarono dal Sultano nel 1632, lo ristrutturarono e costruirono più fortificazioni, rendendo in seguito più difficile la caduta del forte. Il forte fu soggetto a un epico assedio di due anni tra il 1696 e il 1698 da parte degli arabi dell'Oman , guidati da Saif bin Sultan . La cattura del forte segnò la fine della presenza portoghese sulla costa, sebbene lo catturarono brevemente e lo occuparono di nuovo tra il 1728 e il 1729 con l'aiuto delle città-stato swahili. Il forte cadde sotto il dominio locale dal 1741 al 1837, quando fu nuovamente catturato dagli Omanis e usato come caserma, prima della sua occupazione da parte degli inglesi nel 1895, dopo la dichiarazione del Protettorato del Kenya .

 

Casa delle farfalle

Le farfalle che vedrai sono acquistate da gruppi di comunità che vivono vicino a paesaggi forestali chiave che li allevano in alternativa all'uso forestale. Scopri come queste comunità hanno sostenuto la conservazione delle foreste attraverso le farfalle e altre imprese basate sulla natura come l'apicoltura, la coltivazione di funghi e la fitoterapia, tra le altre. Acquistando un biglietto per la casa delle farfalle stai sostenendo direttamente i mezzi di sussistenza locali. Imparerai a conoscere siti unici e speciali come la foresta di Arabuko Sokoke, le colline di Shimba, le foreste di mangrovie e le foreste di Mijikenda Kaya (foreste sacre).